HomeLa gestione della conoscenzaLa gestione della conoscenza nell'impresaLa gestione della conoscenza nelle biblioteche e centri d'informazioneLa gestione della conoscenza nell'apprendimento (dalla scuola primaria alle frontiere della conoscenza)La gestione della conoscenza nell'apprendimento (dalla scuola primaria alle frontiere della conoscenza)Servizi ai clienti

Home > Bisogni speciali > I disturbi dell'apprendimento: il Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività (DDAI)

Disturbi dell'apprendimento:
il Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività (DDAI)

Nuovo: Sperimentazione formale dell'uso di Knowledge Master per l'apprendimento dello studente dislessico

Novità: Gli sconti messi in atto per i dislessici sono stati estesi anche ai ragazzi affetti da DDAI


Il bambino DDAI mette in crisi il senso comune degli insegnanti: è un bambino che appare intelligente, vivace, eppure non impara. Se non impara, si può concludere che deve essere poco intelligente oppure poco volenteroso, uno "scansafatiche". Questa conclusione sembra logica, ma in realtà è nettamente sbagliata.
Per comprendere perché è sbagliata è necessario conoscere precisamente il quadro del DDAI o ADHD (Attention Deficit Hyperactivity Disorder).

Il quadro del DDAI può essere interamente compreso solo attraverso una prospettiva multifattoriale, in cui i livelli neurologico, psicologico, sociale e pedagogico interagiscono strettamente nel determinare lo sviluppo del soggetto affetto da DDAI.

Essa si manifesta con evidenti difficoltà di regolazione dell'attenzione:

punto elenco

i bambini DDAI non riescono a focalizzare l'attenzione sui particolari;

punto elenco

si lasciano distrarre facilmente da stimoli irrilevanti;

punto elenco

non riescono a mantenere l'attenzione su un compito, ma passano dall'uno all'altro senza mai concluderne uno;

punto elenco

quando qualcuno parla non ascoltano e nel conversare passano da un argomento all'altro;

punto elenco

sono sbadati nelle attività quotidiane, dimenticano le loro cose, saltano gli appuntamenti, sono sempre in ritardo, ecc.

Particolarmente in alcuni casi è rilevante l'impulsività e l'irrequietezza motoria:

punto elenco

non riescono ad aspettare, ad esempio, il loro turno per ricevere o dire qualcosa;

punto elenco

sono estremamente impazienti e inopportuni: interrompono in continuazione gli altri e s'intromettono in ogni contesto;

punto elenco

corrono senza freni, si dimenano sulla sedia, sembrano in fuga da tutto.

Inevitabilmente, tutti questi tratti negativi si ripercuotono sulle possibilità di apprendimento: le prestazioni e il rendimento scolastico peggiorano progressivamente.

Le loro capacità di elaborare e organizzare le conoscenze, pur essendo potenzialmente buone, mancano di una funzione essenziale: quella di coordinamento e gestione di tutte le attività cognitive e comportamentali, garantita dai processi di controllo metacognitivo.

Ciò nonostante, di solito le persone affette da DDAI sono molto creative e possono raggiungere il successo nella vita professionale.


Ai bambini affetti da DDAI manca la "cabina di regia"

nell'attivazione, inibizione e modulazione di tutte le funzioni esecutive. 


Di fronte ad uno stimolo più o meno nuovo o complesso, essi non possono modulare opportunamente lo stato di attivazione dell'organismo, quindi non riescono a focalizzare l'attenzione per l'analisi delle sue caratteristiche; l'attività di elaborazione della memoria di lavoro non procede in modo coordinato sotto la guida di un "apprendimento ad apprendere" che la mente ha sviluppato nel tempo, per questo l'attenzione non viene mantenuta nel tempo (con la costanza necessaria???).

È chiaro che seguire l'istruzione tradizionalmente programmata, che normalmente richiede l'attenzione al discorso (non sempre stimolante né affascinante) e molte letture, rimane fuori dei migliori desideri e della volontà dello studente affetto da DDAI. In questi casi i metodi tradizionali portano soltanto al fallimento.

Il DDAI richiederebbe agli insegnanti un notevole sforzo di riorganizzazione e coordinamento delle proprie risorse al fine di fornire a questi ragazzi un ambiente didattico altamente strutturato e coinvolgente, capace di stimolarli opportunamente e di guidarli nella gestione dei loro processi cognitivi.

 


La tecnologia delle mappe concettuali
di Knowledge Master offre un valido sostegno al lavoro dell'insegnante con un bambino DDAI:
le caratteristiche grafico-logiche della rappresentazione e gestione della conoscenza guidano progressivamente e in modo naturale le prime fasi dell'apprendimento che prosegue poi, nel suo approfondimento, attraverso il sostegno delle seguenti funzioni cognitive, specifiche dell'interfaccia di KM:
punto elenco

funzione di riconoscimento automatico e presentazione dei concetti più rilevanti

punto elenco

funzione delle domande automatiche di analisi e verifica

punto elenco

funzione di ricerca semantica

punto elenco

funzioni di ricerca per tipi di concetto

punto elenco

la categorizzazione di concetti e relazioni

punto elenco

la costruzione della propria mappa, ecc.

Esse stimolano e inducono l'attivazione dei processi cognitivi dell'attenzione, dell'esplorazione e dell'osservazione, dell'analisi e del confronto, dell'intuizione, della categorizzazione e del ragionamento.

Tutte queste funzioni hanno inoltre il supporto tecnologico della sintesi vocale: la voce attiva ha un ruolo importante, perché più vicina al modo umano di comunicare.

Attraverso l'uso di tali funzioni, si crea progressivamente un dialogo metacognitivo tra lo studente e la mappa che rende viva l'elaborazione della conoscenza.

Lo studente DDAI acquisisce in questo modo una funzione di regolazione metacognitiva che crea progressivamente un'impalcatura ai suoi processi cognitivi.

Esiste una forte correlazione tra il DDAI e la creatività.

Poiché la loro attenzione vaga con facilità, essi possono spesso vedere un problema da diverse angolazioni e arrivare a conclusioni nuove, uniche. Non è inusuale per queste persone avere più di una carriera o mestiere, a volte simultaneamente. Oltre ad essere creativi, altre caratteristiche osservate in questa "comunità" sono: "artistico", "sprinter", "intuitivo", "empatico", "sognatore", "inventore", "sensibile", "originale", "affettuoso", "esuberante".

Il creativo "rema contro corrente" e ha le maggioranze sempre contro di se. Questa reazione contribuisce anche a precisare la condizione del DDAI.

Non sempre i criteri di diagnostica per il DDAI sono precisi. Da un lato si descrive un modo di pensare come visto dall'esterno, e dall'altro si descrive l'effetto di avere quella forma di pensare  in una società che non tollera molto bene le differenze. Non ci deve sorprendere di trovare alta intelligenza e creatività insieme  a depressione e bassa autostima negli adulti. Cerchi di essere altamente intelligente o creativo in una società conformista e vedrà il risultato sulla sua autostima.

L’allenamento cognitivo con Knowledge Master

L’allenamento cognitivo consiste di una varietà di esercizi, progettati per aiutare a migliorare la funzionalità del soggetto, per esempio nel mantenimento dell’attenzione, la memoria, pensare prima di agire, l’elaborazione uditiva e visiva, la capacità di ascolto e la lettura. Il principio dietro l’allenamento cognitivo è quello di migliorare le abilità fondamentali e l’autocontrollo necessari perché una persona possa avere successo negli studi. Gli esercizi di “allenamento delle capacità” di Knowledge Master agiscono direttamente nelle aree nelle quali le specifiche difficoltà si presentano.

Queste attività sono interattive, utilizzano la voce in modo "intelligente" e possono essere coadiuvate con immagini, strutture animate e multimediali.

Poiché questo approccio richiede la ripetizione e l'interazione personale individuale, Knowledge Master è il modo più semplice e più economico per implementare questo tipo de esercitazione. Knowledge Master offre anche la possibilità di creare strutture che somigliano a giochi per motivare gli studenti a finire l’allenamento.

L'allenamento cognitivo risulta accattivante anche per lo studente distratto o disattento.

Ecco perché nella soluzione al problema dell'apprendimento della persona affetta da DDAI devono essere presenti i seguenti fattori:

  • Forte interazione (l'interazione è un aspetto importante perché aumenta la motivazione e l'attenzione, ad esempio le domande automatiche di verifica, i percorsi ed altre funzioni in Knowledge Master).

  • Uso ottimo della voce. Spesso, lo studente affetto da DDAI ha anche problemi di lettura. La percezione dei nomi scritti dei concetti e allo stesso tempo la percezione uditiva rafforzano la concentrazione nella lettura e l'assimilazione dei contenuti da apprendere. La voce in KM è anche associata all'esecuzione dei percorsi e alle domande automatiche di verifica. La percezione multimodale contribuisce anche all'utilizzo ottimo della memoria di lavoro in generale.

  • Interfaccia grafica. L'interfaccia grafica attira l'attenzione della persona affetta da DDAI. A questa interfaccia vengono associate molte delle funzione dinamiche della mappa in Knowledge Master

Corso "stili diversi dell'apprendimento" (dislessia, ADD, autismo, ecc.) da Logical Media.

Sono disponibili le mappe concettuali già pronte: Le Basi della Conoscenza

 

più di 330 mappe che coprono il programma degli ultimi tre anni della scuola elementare

 
:: Le disabilità dell'apprendimento ::
punto elenco Introduzione: I disturbi dell'apprendimento
punto elenco La dislessia

:: Approfondimento ::

punto elenco Apprendimento e dislessia

:: Esperienza ::

punto elenco La sperimentazione ministeriale a Roma nel 2004
punto elenco La sperimentazione sulla dislessia a Cagliari nel 2006

 

 

Clicca qui! Interessante offerta bundle: Licenza di KM, un corso online e le mappe pronte per la scuola elementare

ricerca interna al sito

 
 
  
 

area di download
ordini, acquisti e leasing online

raccomanda questo sito
aggiungi ai tuoi preferiti
richiesta di informazioni
motori di ricerca

corsi on line

esempi di mappe

mappa del sito


Tutorial on-line
Tutorial on-line
di
Knowledge Master

FAQ
i nostri distributori
collaborazioni
mailing list
contattaci via e-mail
contatta un operatore del supporto in linea
 

© 2007 Copyright Knowledge Master Corporation

 Tutela della Privacy